Scegliere il Box per le vacanze

/ / Fitness e CrossFit, Uncatrgorized

Scegliere il Box giusto per le vacanze è come scegliere l’albergo giusto e spesso quello che troviamo sui siti non corrisponde alla realtà. Ecco alcune accorgimenti per evitare brutte sorprese.

Le solite statistiche estive ci informano che una buona parte degli italiani, quest’anno, rimarrà in Italia per le vacanze e come ogni anno, per i CrossFitter, si ripresenta il problema di trovare un box valido nel posto in cui andranno in vacanza.

Ma è proprio necessario?

Gli atleti di tutti gli sport hanno ogni anno un breve periodo di riposo assoluto nel quale non ci pensano proprio ad allenarsi. Al massimo optano per un po’ di recupero attivo ma non certo per allenamenti intensi. Non si capisce perchè tu, CrossFitter drogato di Endorfine, non possa concepire un paio di settimane senza fare un bel niente, godendoti la tua meritata vacanza in santa pace.

E vero che in vacanza si tende a mangiare di più ma quei kg di troppo che si portano a casa come souvenir, si potranno eliminare facilmente nella prima settimana dopo il rientro. Sempre che non vi siete mangiati il mondo durante la vacanza. Ma anche in questo caso si può rimediare con un po’ di disciplina. Ed è anche vero che ci sono dei cambiamenti fisiologici dovuti all’assenza di allenamento, ma è anche vero che staccare completamente la spina è necessario per un buon equilibrio psicofisico.

Ma io voglio allenarmi lo stesso.

In questo caso la prima cosa da fare è cercare sulla mappa di CrossFit.com dove si trovano i Box Affiliati più vicini alla località di vacanza e contattarli direttamente per conoscere gli orari, se c’è la possibilità di fare un drop-in e quanto costa un eventuale mini abbonamento per il periodo della vacanza.

Se ci mettono più di un’ora a rispondervi, meglio lasciar perdere perchè ciò indica che non sono molto organizzati in generale e che di certo non si aspettano dei drop-in. Fate sempre domande precise per evitare dei fraintendimenti quando sarete sul posto e cercate di ottenere risposte precise. E’ un primo modo per verificare la serietà del Box scelto.

Non chiedete informazioni nei gruppi sui social network perchè non solo otterrete riscontri contrastanti, ma non saprete mai come stanno veramente le cose. Se proprio dovete chiedere delle referenze chiedete a persone che conoscete e che vi conoscono in modo da sapere quali sono i vostri standard ed indicarvi se quel luogo, che in prima istanza avrete scelto solo perchè è vicino a dove soggiornate, è veramente un buon Box o meno.

Sfortunatamente non tutti i Box sono uguali, quindi non fidatevi nemmeno delle recensioni dei vari siti perchè possono essere poco credibili e ancora una volta, se lo standard delle persone che le scrive è inferiore al vostro, potreste trovarvi davanti a bruttissime sorprese.

Informatevi anche se il Box accetta pagamenti diversi dai contanti perchè spesso in vacanza, specie all’estero, capita di usare più facilmente la carta di credito e se non vi è un POS potrebbe essere una difficoltà in più quella di trovare un Bancomat all’ultimo momento, pagando anche spesso delle commissioni di prelievo alte.

Non tutti i Box accettano Drop-in, perchè per potervi ammettere vi dovrebbero tesserare in modo da garantirvi un’adeguata assicurazione in caso di infortunio. Lo scarico di responsabilità che vi chiedono eventualmente di firmare non ha alcun valore e comunque non vi tutela per negligenze del Box. 

Se il Box che avete scelto non è affiliato alla stessa Federazione o Ente a cui lo è il vostro e non vi chiede qual’ è questa federazione o ente e non vi informa che vi dovete tesserare, scoprite se esiste un’altra forma di copertura assicurativa perchè in caso di infortunio, se non avete una polizza vostra, potreste dover affrontare enormi spese.

Verificate poi la presenza di docce funzionanti e pulite e di spogliatoi adeguati in modo non solo da soddisfare la normativa anti Covid, ma anche le più elementari norme di igiene. Chiedete quante volte vengono puliti e sanificati docce, spogliatoi e floor e con quali metodi. Non vi metterà al riparo da posti comunque trasandati ma almeno avrete fatto una prima scrematura.

A me è capitato di finire in Box con spogliatoi da 4mq in cui il calcare e le incrostazioni erano inversamente proporzionali allo spazio disponibile. E con il pavimento che puzzava di cane bagnato. Va bene essere spartani ed essenziali ma igiene e pulizia sono imprescindibili e se agli indigeni piace stare nello sporco, non è detto che anche a chi fa un Drop-In piaccia.

Controllate poi che vi sia un parcheggio disponibili e se non esiste, chiedete dove lasciare il vostro veicolo senza rischiare multe o sanzioni. Ultimo, ma non importante consiglio: adattatevi. Se non potete seguire il vostro prezioso programma di allenamento, fate le classi come tutti gli altri e probabilmente vi divertirete molto di piÙ, scoprendo cose che magari ignoravate fino a quel momento.

Il massimo rimane comunque girare vari Box, in modo da potersi confrontare con situazioni ed abitudini diverse perchè in effetti il CrossFit non è uguale dappertutto e non c’è come viaggiare e sperimentare vari Box, per rendersi conto non solo delle differenze ma anche e soprattutto, il livello a cui si trova il Box che frequentate di solito. Insomma usate le vacanze per imparare qualcosa di nuovo.