Cherry picking ovvero il salto strategico del WOD

/ / Cross Training
Cherry picking, il salto strategico del WOD

Il Cherry Picking, letteralmente la raccolta delle ciliegie è quando si decide se presentarsi o meno al Box a seconda del WOD che c’è in programma in base ad un fine esercizio di salto strategico del WOD. 

Molti anni fa, quansi tutti i Box erano soliti ubblicare sul WEB o sulle APP, i WOD del giorno doo. Ricordo quando una decina di anni fa, si aspettava la mezzanotte per leggere il WOD del giorno dopo e prepararsi mentalmente. Oppure decidere di saltarlo perchè conteneva qualche movimento non gradito. Questa é la ragione per cui, con l’andare del tempo, molti Box hanno prima deciso di pubblicare il WOD solamente alla mattina presto e poi di non farlo più del tutto ma lasciare che le persone li scoprissero una volta giunti al Box.

Il rispetto per gli altri

In Italia non si usa molto applicare il No Show Fee, ma in paesi tipo Australia, UK e USA è usanza tassare chi si prenota ad una classe e poi non si presenta, con un fee decurtato direttamente dalal carta di credito, solitamente una decina di $ e tipo 5£ in UK. In Italia di solito si ppunisce con dei banali Burpee ma, credetemi, quando tocchi il portafogli a qualcuno, la lezione resta meglio in testa.

Il Cherry Picking è un problema sotto vari aspetti,. Il primo è che si mi prenoto per una classe e poi non mi presento e magari qualcuno era in lista d’attesa, non solo non faccio il WOD io, ma lo impedisco anche all’altra persona. Una chiara mancanza di rispetto che va sanzionata pesantemente e sradicata prima che diventi uso comune.

Ma poi, ammesso anche che per te il WOD sia qualcosa da subire, nel qual caso ti suggerisco di cambiare sport, come la mettiamo verso quelli che invece arrivano ed in silenzio si fanno la loro bella classe a prescindere da quello che si propone nel WOD? Cosa sono loro? I più scemi del villaggio? E tu il più furbo/a? Cioè tipo “no ma andate pure avanti voi tanto io sono meglio e posso saltare i WOD”. Ma che persona sei?

Il rispetto per il coach

Parto dal presupposto che la programmazione dei Box sia fatta tenendo conto della variabilità degli esercizi, del fatto che in un microciclo debbano comparire tutti in modo tale che ognuno li possa eseguire nei WOD e che il tutto sia fatto con raziocinio e ragion veduta. Non so se avete idea di cosa voglia dire mettersi li a programmare una settimana di WOD, tenendo conto di questi ed altri mille fattori perché sembra semplice ma non lo è affatto, specialmente se non si vogliono mettere insieme movimenti a caso.

Ora lo so che molti di voi sono abituati a fare WOD assolutamente a caso, a strafare e nell’intimità delle loro home gym, tentare gesta epiche ma la realtà è che il CrossFit non è affatto casuale. Variato si, ma non casuale, come spesso ho avuto modo di spiegare. A vuoto, a quanto pare. Ecco, saltare strategicamente dei WOD è un insulto verso che, con tanta passione, spende tanti dei suoi weekend, perchè di solito lo fa all’ultimo minuto, a programmare i WOD di tutta la settimana pensando anche a te che fai schifo nei Toes to Bar e che, ovviamente, salterai quel giorno proprio perchè non ti va di farli.

Quindi se davvero sei sincero quando te me esci con frasi del tipo: “coach tu sei il mio salvatore e io ti seguirei ovunque” poi non lo prendere in giro, saltando la classe già prenotata adducendo magari una scusa che si capisce lontano un miglio che è falsa come una moneta da tre Euro.

Il rispetto per se stessi

Saltare un WOD è un po’ come quando si fingeva di avere la febbre per saltare l’interrogazione. Non serve a niente ed è solo un modo per procrastinare qualcosa che prima o poi dovrai affrontare. E allora tanto vale levarsi il pensiero subito. Che poi è come nella vita, quando ti si presenta un problema difficile da affrontare. O lo rimandi, ma prima o poi ti si ripresenta, o lo risolvi e ti togli un cruccio.

Solo che se salti un WOD, normalmente non ti succede niente ma se salti altre cose nella vita, puoi metterti in grossi guai. Se hai rispetto per te stesso non salterai mai un WOD perchè sarà un ottimo esercizio che ha un transfer nel quotidiano, oltre a quello fisico. Nella vita mica puoi decidere di fare solo quello che ti piace. Spesso, anzi quasi sempre, sono di più le cose che devi fare e non ti piacciono che non quelle che vorresti fare ma non te le lasciano fare. Quindi cosa fai? Rinunci?

Tipo che non ti danno l’aumento e quindi non vai più a lavorare? O tipo che continui a mangiare anche se sai benissimo che ti fa male perché tanto puoi smettere quando vuoi? Così ti fai del male e rimandi i problemi come rimandi un WOD. Non si fa.

Ma poi, salti una cosa perché non ti piace e non riesci a farla. Come pensi di riuscirci mai se non ti ci metti di impegno e la affronti? Insomma, per concludere chi salta i WOD all’ultimo minuto è come lo zanzarep: una brutta, bruttissima persona.