Avete mai la sensazione che…

/ / Fitness e CrossFit
Avete mai la sensazione che...

Avete mai la sensazione che, durante una classe il vostro vicino di WOD non si stia impegnando per niente e non metta la minima attenzione a ciò che fa? Oppure che si stia muovendo ma il suo livello di concentrazione sia talmente basso che ogni suo movimento sembra quello sbagliato?

Ai vostri coach succede spesso. Certo, loro in effetti sono lì proprio per fare in modo che ciò non succeda ma spesso, quello che accade, va decisamente al di la delle loro possibilità, non perché non sia persone capaci ma perché proprio vi sono alcuni soggetti al Box che sembrano messi li apposta per incasinare tutto. 

Ad esempio la tipa che dopo due anni, ancora non ha imparato le sigle degli esercizi ed insiste nel chiedere cosa sia C&J. Quella stessa che, quando glielo spieghi, risponde con un: “Ah, si quello così” e mima malamente tutt’altro esercizio. Cosa le vuoi dire? E’ chiaro che il suo approccio all’allenamento è quantomeno superficiale. 

Ora, non dico che tutti dovrebbero essere degli allenatori a livello di conoscenze, anche se in effetti l’idea alla base del L1 era proprio quella, ma sarebbe bello non solo conoscere il nome di quello che si fa e magari associarvi un movimento, ma anche essere più consapevoli e cercare di comprendere quello che si fa, perché lo si fa e cercare di concentrarsi nel farlo.

Capisco bene che per molte persone, l’ora al Box sia una valvola di sfogo e che per loro, che magari hanno avuto una giornata lavorativa pessima, l’ultima cosa sia quella di metterci impegno in quello che fanno. Però credo che sia un atteggiamento mentale che che si portano dietri per tutta la giornata e che magari è anche la fonte di quello stress al lavoro, Magari sono stati ripresi perchè non si impegnavano o non facevano il loro lavoro come ci si aspettava. Quindi stress su stress.

Una cosa che ho imparato da militare è che se devi fare qualcosa, tanto vale che la fai bene. Prima di tutto perché è il tuo compito, secondo luogo perché se tutti fanno bene il loro lavoro si lavora meno tutti, si ottengono migliori risultati e soprattutto ci sono delle ottime possibilità di arrivare vivi alla fine. E poi, diciamolo, quando tutti fanno bene il loro lavoro, tutti ne beneficiano, specialmente in una classe dove bisogna seguire un po’ tutti e non solo quelli che hanno difficoltà.

Intendo dire che va bene seguire i principianti che hanno sicuramente più bisogno di aiuto, ma seguire gente che dopo due anni ancora non ha imparato a fare nemmeno i movimenti basilari, non è una prospettiva ideale per nessuno. 

Dai è come guidare mentre si parla al telefono senza usare il viva voce. Negligenza, pigrizia e anche mancanza di rispetto per se e per gli altri. Per la loro vita intendo. 

Magari il problema è il coach che non è abbastanza coinvolgente ma sicuramente anche l’approccio dell’atleta e la sua voglia di capire e migliorare, hanno la maggior parte del peso in questa situazione.

Capire ciò che si fa e perchè lo si fa in quel modo dovrebbe essere prioritario per chiunque e non solo perchè si spendono dei soldi per imparare a fare qualcosa, o peggio perchp “tanto pago quindi decido io cosa fare”. Ma anche perchè comunque si tratta di qualcosa che facciamo a noi stessi e personalmente ritengo un dovere saperne di più, non fosse altro per apprezzare i cambiamenti che avvengono.

E’ un discorso di consapevolezza che purtroppo per alcune persone sembra non valere. Tanto poi ci pensa qualcun altro. E quindi non si preoccupano di capire qualcosa con il risultato che ogni cosa che fanno, la fanno male, svogliatamente e senza il minimo impegno. A danno degli altri, ovviamente. Non mi sembra molto corretto.

Ripeto, va bene prendere l’allenamento come uno svago, ma bisogna anche concentrarsi su quello che si fa e cercare di farlo bene, altrimenti non ci saranno miglioramenti e poi, come sempre, la colpa finirà sui poveri coach che invece, magari, hanno dato l’anima per aiutare questa gente a fare meglio. Vero che ci sono persone negate per certe attività, ma persino loro, con un minimo di impegno, possono migliorare. E allora perchè fare sempre le cose in modo così superficiale?

E voi, quando vi trovate in classe l’eterna sbadata o quello che non c’entra un movimento nemmeno standogli addosso ore ed ore, cosa pensate?