It’s all about the community.

novembre 26, 2017

Definire il fenomeno del CrossFit al di la degli aspetti sportivi, più facilmente elencabili ed evidenti, è praticamente impossibile senza parlare della comunità che sta dietro.

Si tratta di centinaia di migliaia di persone in tutto il pianeta che, come nella miglior tradizione sportiva, ignorano qualunque tipo di differenza e di barriera per condividere il più possibile il CrossFit e diffonderne la conoscenza e la pratica ovunque.  Ed è grazie alla tenacia ed alla passione di questa comunità che il CrossFit sta ottenendo un successo esponenziale ovunque e si adatta facilmente alla pratica da parte di chiunque.

Per molti osservatori poco attenti il CrossFit è solo una moda o una semplice "attività di gruppo" come la "zumba" o altre attività similari ma un'analisi più attenta alle dinamiche che si creano proprio all'interno della comunità, rivela che si tratta invece di un fenomeno unico, capace di toccare le corde più profonde dell'animo umano facendo leva su sani valori sportivi, mettendo ogni individuo al centro della scena ma, allo stesso tempo, senza protagonismi o prevaricazioni di alcuni su altri. L'obiettivo principale del CrossFit, l'abbiamo detto altre volte, è il raggiungimento della miglior forma fisica possibile e ciò si ottiene solo grazie ad una profonda analisi introspettiva che  proprio la comunità, dal più piccolo gruppo fino alla sua interezza, è in grado di stimolare nei singoli individui.

Nel CrossFit non ci sono false illusione o promesse di risultati irrealistici ma vi sono persone che con il loro comportamento ed il loro aspetto sono il migliore ed il solo biglietto da visita di cui il CrossFit ha bisogno per farsi conoscere. I "fake", i "vorrei-ma-non-posso", quelli che "ah io faccio millemila kg di panca" nel CrossFit non esistono e non potrebbero esistere semplicemente perchè non ha senso mentire ne agli altri, ne a se stessi quando ogni singolo WOD richiede di tirare fuori il massimo delle proprie capacità ed ogni giorno ci mette di fronte ai nostri miglioramenti e limiti.

Nel CrossFit non ci sono false illusione o promesse di risultati irrealistici ma vi sono persone che con il loro comportamento ed il loro aspetto sono il migliore ed il solo biglietto da visita di cui il CrossFit ha bisogno per farsi conoscere

La comunità, gli altri, sono fondamentali per sostenere ognuno e stimolarlo a migliorare non tanto secondo canoni comuni, pur sempre validi e misurabili, ma secondo i propri canoni e la propria percezione di miglioramento. Per fare un esempio, se una persona fino ad un mese prima arrancava facendo una rampa di scale ed adesso è in grado di fare 40 jumping jack, non ha certo raggiunto un livello atletico ne di fitness d'eccellenza, ma ha comunque raggiunto un risultato ragguardevole se relazionato allo sforzo compiuto per poterlo ottenere. Quindi da un lato la percezione soggettiva dei propri risultati e dall'altra una comunità che sostiene e stimola a fare sempre meglio con il proprio esempio ma anche il proprio calore, energia e tifo. Si tratta di aspetti che difficilmente si riscontrano in altri sport e men che  meno nel mondo del Fitness commerciale.

Per altri osservatori il CrossFit è il business del decennio. Qualcosa da aggiungere al proprio centro fitness per attrarre più clienti perchè fa figo, è di moda ed in tal modo è possibile guadagnare molto denaro. Sfortunatamente per loro, qualunque modello di business utilizzato nel Fitness Commerciale tradizionale, con il CrossFit non funziona. Non è il CrossFit di per se ad avere successo ma è la comunità ed il modo con cui i suoi membri si relazionano l'un altro a determinarne il successo. Esistono vari tipi di allenamento funzionale che si ispirano al CrossFit ma è solo vivendo l'esperienza del box, diverso da qualunque altra palestra, che si capisce quanto la comunità, il gruppo, il concetto di appartenenza siano il vero punto di forza. Il CrossFit non nasce con l'idea di essere un business ma ciò nonostante può diventarlo, seppur non a livelli stratosferici, se a muoverlo vi sono passione, umiltà, studio e pratica costante.

Per altri osservatori il CrossFit è il business del decennio. Qualcosa da aggiungere al proprio centro fitness per attrarre più clienti perchè fa figo, è di moda ed in tal modo è possibile guadagnare molto denaro. Ed ovviamente si sbagliano o quantomeno sbagliano l'approccio dimenticando la fondamentale componenente umana

Per altri osservatori il CrossFit è il business del decennio. Qualcosa da aggiungere al proprio centro fitness per attrarre più clienti perchè fa figo, è di moda ed in tal modo è possibile guadagnare molto denaro. Sfortunatamente per loro, qualunque modello di business utilizzato nel Fitness Commerciale tradizionale, con il CrossFit non funziona. Non è il CrossFit di per se ad avere successo ma è la comunità ed il modo con cui i suoi membri si relazionano l'un altro a determinarne il successo. Esistono vari tipi di allenamento funzionale che si ispirano al CrossFit ma è solo vivendo l'esperienza del box, diverso da qualunque altra palestra, che si capisce quanto la comunità, il gruppo, il concetto di appartenenza siano il vero punto di forza. Il CrossFit non nasce con l'idea di essere un business ma ciò nonostante può diventarlo, seppur non a livelli stratosferici, se a muoverlo vi sono passione, umiltà, studio e pratica costante.

Gestire un Box è un'attività impegnativa che spesso porta, ad esempio, a saltare i WOD perchè prima vengono i membri della comunità e poi l'interesse personale di chi manda avanti il Box e ciò, per chi pratica, è un vero sacrificio. Anche saper rinunciare al proprio allenamento per far si che gli altri possano fare il loro o impiegare il proprio tempo libero per organizzare giochi, sfide e incontri tra vari box significa onorare la comunità. Il CrossFit non è solo allestire uno spazio vuoto e piazzarci un istruttore qualunque. Non funziona così e per fortuna non funzionerà mai così.

Il CrossFit non è fare i superiori esibendo gli addominali o facendo i fenomeni ad ogni occasione ma è essere disponibili verso i membri fisicamente meno dotati dando loro un motivo per impegnarsi e non mollare; lo fanno i migliori atleti del mondo ispirando tutta la comunità e lo fanno i coach ogni santo giorno ispirando il proprio gruppo. Il CrossFit non è spaventare la gente argomentando come degli Spartani o degli addestratori dei servizi segreti Isrealiani, ma è individuare ed utilizzare il linguaggio più adatto per far capire ad ogni persona che dentro di sè vi è un potenziale immenso su cui lavorare. Il CrossFit non è tantissime altre cose che molta gente, forse un po' fanatica ed a volte in malafede, crede che sia ma è solo e semplicemente una comunità dedicata allo sviluppo del singolo individuo e delle sue capacità che punta alla crescita individuale attraverso una pratica dura si, ma allo stesso tempo maledettamente divertente e stimolante.

"It's all about the community" e ci dispiace per chi non vuole e non riesce a capirlo perchè, al contrario di costoro, gli altri, gli atleti, i membri della comunità, lo capiscono benissimo e lo apprezzano facendo poi le loro scelte che, guarda caso, premiano sempre lo spirito più vero e genuino di chi ci mette tutta la passione di cui è capace.

Commenti

Commenti