Born Scaled

agosto 2, 2017

Ogni volta che qualcuno partecipa ad una gara di un certo livello, divampa la solita polemica relativa al fatto che atleti presunti RX, si presentino nelle categorie scaled per potersi piazzare più facilmente.

A dire il vero la polemica monta anche in caso di gare più piccole e chi scrive è stato in alcune occasioni il primo a “lanciare” l’allarme. In tal modo, infatti, un atleta forte che concorre in una categoria, minore, senza offesa, avrebbe assicurato la partecipazione alla gara e pure un buon piazzamento. In pratica c’è chi accusa alcuni atleti e probabilmente anche i loro Box, di voler vincere facile.

Vi sono tantissimi atleti e box che si lamentano perchè non riescono a trovare sponsorizzazioni di un certo livello che permettanmo di poter partecipare alle gare più importanti

La prima considerazione da fare è che, a meno che non si conosca più che bene l’atleta su cui si punta il dito, sarebbe forse meglio starsene tranquilli ed informarsi perchè magari potremmo non essere a conoscenza di tutti i fatti. Se io dico che l’atleta “pincopallo” sta barando, dovrei sapere con certezza non solo se ha tut05ti gli standard richiesti da quella gara, ma anche se le sue condizioni fisiche attuali gli permettono di sostenere una qualificazione, o una gara, come Rx. Se ad esempio “pincopallo” ha 90kg di snatch di cui magari si è vantato sui social network ma, poniamo, non ha i Muscle Up richiesti ad un Rx, cosa dovrebbe fare intanto che, si auspica, migliori la skill che gli manca? Cioè se “pincopallo” vuole fare una gara, la sola cosa che può fare è partecipare come Rx. Possiamo dargli addosso per questo? Direi di no. E del resto mica pubblicherà su Facebook i voli che fa dagli anelli.

Ci sono anche i casi contrati che di solito nessuno mai cita. Lo scorso anno, a Fall Series c’era una atleta Rx che pur non avendo i Muscle Up, decise di fare le qualifiche  imparando la skill praticamente in gara. Però di questo non parla mai nessuno. Si parla sempre dei presunti “furbetti” che se tali sono, in definitiva prendono in giro solo loro stessi perchè se effettivamente imbrogliano, vuol dire che non hanno, mi si consenta il temine, le palle, per misurarsi con quelli della loro taglia. E comunque c’è anche da dire che gli Rx della gara “alfa” potrebbero essere di gran lunga più performanti di quelli della gara “beta”. Uno valuta. Anche se ha vinto una gara in Grecia, per dire, non credo che farebbe una gran figura in Grid League.

Ben vengano quindi quelle piccole gare a livello “locale”, dove comunque tutti hanno modo di misurarsi e divertirsi perchè il CrossFit è per tutti ma chi in coscienza, al di la di tutto, sa di potersi misurare con li Rx ad ogni livello, dovrebbe essere tanto onesto con se stesso da mettersi alla prova. Dai, mica siamo i bulletti del paesello. Siamo CrossFitters e dovremmo essere persone d’onore. E soprattutto dovremmo imparare a crescere e buttarci un po’ di più invece di fare come le signorine che “non-faccio-quella-cosa-se-no-poi-le-unghie-mamma-mia”.

Poi c’è l’atleta avrebbe voluto essere Rx ma il suo coach, ritenendo che non fosse ancora pronto, gli ha suggerito di essere Scaled in base ad una sua precisa strategia di programmazione.

Ci sono dei box in cui, invece di lasciare che gli atleti partecipino in modo convulso ad ogni gara senza una logica che permetta di portare avanti un minimo di programmazione, atleti e coach preparano un piano su tutto l’anno e quando proprio l’occasione non si può perdere perchè comunque è interessante, sebbene non programmata, si decide magari di farsi un giro lo stesso negli scaled per non devastarsi troppo.

E quest’ultimo fatto, cioè il discorso del Box come team di atleti che programmano la loro attività, ci porta a fare alcune considerazioni che in uno sport che ormai annovera sempre più “professionisti” non si possono ignorare. Partiamo da una domanda: “perchè partecipo ad una gara?”. Probabilmente per vincere. E fin qui siamo tutti d’accordo. Ora se io partecipo ad una gara internazionale come Box Team piazzo, supponiamo, tre e quattro atleti tra i primi negli Rx e alcuni tra i primi negli scaled, quali credete che interesserebbero ad un potenziale sponsor?

Vi sono tantissimi atleti e box che si lamentano perchè non riescono a trovare sponsorizzazioni di un certo livello che permettanmo di poter partecipare alle gare più importanti, ma è chiaro che fintanto che si vincono le gare nelle categorie “minori”, gli sponsor non saranno interessati. non a caso in molte gare internazionali gli Scaled restano a fare la loro gara online. Ci avete mai pensato? Ora, se fossi un RX e partecipassi come scaled, probabilmente vincerei un premio ma questo premio sarebbe infinitamente meno importante della possibilità di avere uno sponsor vero che non sia la zia che mi paga il volo fino a Oslo. Meglio arrivare ultimo e poi alla gara dopo penultimo e dimostrare quanto sto crescendo che non finire ignorato nelle retrovie con un paio di nuove Nano o qualche centinaio di Euro in mano.

Quindi, non potendo abolire la categoria Scaled sia perchè è quella che porta ossigeno ad una organizzazione, sia perchè è giusto che tutti possano misurarsi su un terreno neutrale come una qualifica ed una gara, non ci resta che metterci in testa che l’energia utilizzata per lamentarci potrebbe essere utilizzata per migliorare le nostre performance e/o quelle dei nostri atleti per poi guardare i finti Scaled dall’alto del podio delle migliori competizioni e magari con uno sponsor che ci garantisce di poterci allenare nel modo migliore senza l’affanno di doversi allenare solo a tempo perso e soprattutto senza perdere tempo a puntare il dito sui furbetti che, nell'intimo delle loro stanzette, staranno rosicando.

Commenti

Commenti